Le frasi e le citazioni di Albert Einstein

Albert Einstein

"Oltre a essere uno dei più celebri fisici della storia della scienza, che mutò in maniera radicale il paradigma di interpretazione del mondo fisico, fu attivo in diversi altri ambiti, dalla filosofia alla politica, e per il suo apporto alla cultura in generale è considerato uno dei più importanti studiosi e pensatori del XX secolo.

Albert Einstein nacque ad Ulma il 14 marzo del 1879 da una benestante famiglia ebraica, figlio di Hermann Einstein, proprietario di una piccola azienda che produceva macchinari elettrici, e di Pauline Koch. Frequentò una scuola elementare cattolica e, su insistenza della madre, gli furono impartite lezioni di violino. All'età di cinque anni il padre gli mostrò una bussola tascabile e Einstein si rese conto che qualcosa nello spazio "vuoto" agiva sull'ago spostandolo in direzione del nord; descriverà in seguito quest'esperienza come una delle più rivelatrici della sua vita.
La circostanza che il suo profitto in matematica fosse scarso è contestata (v. a lato Emilio Segrè). Nell'agosto del 1886, infatti, Albert riferì alla madre l'ottimo profitto scolastico: «Ieri Albert ha ricevuto la pagella, è nuovamente il primo della classe»[2]. Einstein cominciò a studiare matematica insieme a un amico di famiglia, Max Talmud,[3] che gli procurò testi scientifici come gli Elementi di Euclide ma anche filosofici come la Critica della ragion pura di Kant[3]. All'età di dieci anni iniziò a frequentare il Luitpold Gymnasium ma si rivelò ben presto insofferente al rigido ambiente scolastico, seppur riportando comunque buoni voti sia in matematica che in latino[4]. Suo zio Jakob, inoltre, lo metteva spesso alla prova con problemi matematici che risolveva brillantemente «...provando un profondo senso di felicità»[5].

A causa di diversi dissesti economici la famiglia Einstein dovette trasferirsi di frequente: dapprima a Monaco di Baviera, poi, nel 1894, in Italia, a Pavia, dove Albert scrisse il suo primo articolo scientifico, e due anni dopo in Svizzera, a Berna. Quando la famiglia si trasferì a Milano, Einstein, quindicenne, restò in Svizzera per proseguire gli studi, ma presto li abbandonò e si ricongiunse con la famiglia.

Il fallimento all'esame d'ingresso al Politecnico di Zurigo nel 1895, tentato nonostante non avesse l'età minima richiesta e non superato per insufficienza nelle materie letterarie, fu una dura battuta d'arresto. Per concludere gli studi superiori fu pertanto mandato dalla famiglia ad Aarau, dove riuscí a conseguire il diploma nel 1896. Nell'ottobre dello stesso anno ritentò l'esame di ammissione al politecnico, questa volta superandolo. All'età di diciassette anni rinunciò definitivamente alla cittadinanza tedesca. Nel 1898 incontrò e s'innamorò di Mileva Mari?, sua compagna di studi[6]. Mileva era l'unica donna ammessa a frequentare il politecnico federale svizzero.

Einstein concluse gli studi al politecnico nel luglio del 1900, superando gli esami finali del diploma con la votazione di 4,9/6, classificandosi quarto su cinque promossi. Fra i candidati in matematica e fisica vi era anche Mileva Mari?, che conseguì il voto di 4/6 risultando bocciata. Egli fu l'unico dei diplomati a non ottenere un posto come assistente[7]. Nel 1900 gli venne garantito un diploma da insegnante dall'Eidgenössische Technische Hochschule e nel 1901 fu naturalizzato svizzero[8]. In quel periodo Einstein discuteva dei suoi interessi scientifici con un ristretto gruppo di amici, inclusa Mileva[9].

Nel gennaio 1902 Mileva ebbe una figlia, Lieserl, che morì presumibilmente di scarlattina. Quel parto illegittimo compromise gli studi della giovane, che volontariamente decise di sacrificarsi per la famiglia e la carriera accademica di Albert. Nel 1903 Albert e Mileva si sposarono in municipio. In seguito Mileva avrebbe dato alla luce altri due figli: Hans Albert (1904), che sarebbe diventato ingegnere, ed Eduard (1910) che, nonostante il talento nella musica e negli studi, fu travolto dalla malattia mentale e trascorse gran parte della sua vita tra la casa materna di Zurigo e l'ospedale psichiatrico Burghölzli.

Dopo il diploma, Einstein trovò lavoro presso l'ufficio brevetti di Berna. Insieme all'amico e collega di lavoro Michele Besso fondò un gruppo di discussione chiamato "Accademia Olimpia", dove si discuteva di scienza e filosofia."

Fonte Wikipedia (Albert Einstein)

Albert Einstein Ulma, 14 marzo 1879 - Princeton, 18 aprile 1955

Le frasi e gli aforismi di Albert Einstein

Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.

—Albert Einstein

Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.


Fumare la pipa contribuisce a formulare giudizi calmi e obiettivi sulle faccende umane.

—Albert Einstein
in Alice Calaprice, Pensieri di un uomo curioso, 1996

Fumare la pipa contribuisce a formulare giudizi calmi e obiettivi sulle faccende umane.


Sono grato a tutte quelle persone che mi hanno detto NO. E' grazie a loro se sono quel che sono.

—Albert Einstein

Sono grato a tutte quelle persone che mi hanno detto NO. E' grazie a loro se sono quel che sono.


La logica vi porterà da A a B. L'immaginazione vi porterà dappertutto

—Albert Einstein

La logica vi porterà da A a B. L'immaginazione vi porterà dappertutto


Devi imparare le regole del gioco. E poi devi giocare meglio di chiunque altro.

—Albert Einstein

Devi imparare le regole del gioco. E poi devi giocare meglio di chiunque altro.


Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita

—Albert Einstein

Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita


Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido

—Albert Einstein

Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido


Io appartengo all'unica razza che conosco, quella umana.

—Albert Einstein

Io appartengo all'unica razza che conosco, quella umana.


Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.

—Albert Einstein

Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.


Chi dice che è impossibile, non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo.

—Albert Einstein

Chi dice che è impossibile, non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo.


Un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno.

—Albert Einstein

Un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno.


La vita non è degna di essere vissuta, se non è vissuta per qualcun altro.

—Albert Einstein

La vita non è degna di essere vissuta, se non è vissuta per qualcun altro.


È più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.

—Albert Einstein

È più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.


Non ho alcun talento particolare. Sono solo appassionatamente curioso.

—Albert Einstein

Non ho alcun talento particolare. Sono solo appassionatamente curioso.


Se sapessimo (esattamente) quel che stiamo facendo, non si chiamerebbe ricerca.

—Albert Einstein

Se sapessimo (esattamente) quel che stiamo facendo, non si chiamerebbe ricerca.


libro delle risposte
Dona un euro a Frasi per caso

Autori di frasi e aforismi

Confucio -

Confucio

(781 a.C. - 477 a.C.)

John Lennon -

John Lennon

Liverpool, 9 ottobre 1940 ? New York, 8 dicembre 1980

Nelson Mandela -

Nelson Mandela

Mvezo, 18 luglio 1918 - Johannesburg, 5 dicembre 2013

William Shakespeare -

William Shakespeare

Stratford-upon-Avon, 23 aprile 1564 - Stratford-upon-Avon, 23 aprile 1616

Woody Allen - Frasi, aforismi e citazioni di Woody Allen

Woody Allen

New York, 1º dicembre 1935

Jim Morrison -

Jim Morrison

Melbourne, 8 dicembre 1943 - Parigi, 3 luglio 1971

Paramahansa Yogananda -

Paramahansa Yogananda

Gorakhpur, 5 gennaio 1893 - Los Angeles, 7 marzo 1952

Anonimo

...

Dalai Lama - Frasi, aforismi e citazioni di Dalai Lama

Dalai Lama

Dagli inizi del Seicento